Ispezione scaffalature e sicurezza


Le normative vigenti affidano all’utilizzatore dell’attrezzatura di immagazzinaggio la piena responsabilità nel richiedere ed effettuare un’ispezione delle scaffalature annuale, che viene richiesta dagli organi di controllo in caso di incidente o verifica.

Per mantenere un magazzino in sicurezza, è indispensabile l’esecuzione di una ispezione periodica delle scaffalature avente lo scopo di accertarne il buono stato funzionale.
L’uso di carrelli elevatori e di altre attrezzature per la movimentazione potrebbe danneggiare le strutture e provocare incidenti all’interno del magazzino. Per questo, la norma UNI EN 15635 “Sistemi di stoccaggio statici di acciaio. Utilizzo e manutenzione dell’attrezzatura di immagazzinaggio” sottolinea la responsabilità dell’utente del magazzino di far eseguire annualmente un’ispezione dell’impianto da parte di un esperto qualificato.

Lo scopo di questa norma è di ridurre i rischi al minimo e di ottenere un funzionamento più sicuro del magazzino, evitando danni alla struttura delle scaffalature. Elenchiamo qui di seguito i punti principali definiti dalla norma UNI EN 15635, il cui scopo è di garantire la sicurezza nei magazzini:

  • Ispezione delle scaffalature da parte di un esperto. Una persona tecnicamente competente dovrà svolgere delle apposite ispezioni a intervalli non superiori ai 12 mesi. Viene stabilito l’obbligo di redigere e consegnare una relazione scritta contenente le osservazioni e le proposte di eventuali azioni da realizzare.
  • Sostituzione di elementi danneggiati. Non devono essere consentite riparazioni degli elementi danneggiati se non espressamente autorizzate dal fornitore dell’impianto di stoccaggio.
  • Cartelli di portata. Devono essere posizionati in punti ben visibili e controllati per accertare la corrispondenza delle informazioni in essi contenute con le effettive caratteristiche dell’impianto.
  • Obbligo a carico dell’impresa utilizzatrice di nominare un responsabile della sicurezza delle attrezzature di stoccaggio.
  • Redazione di un piano di ispezioni periodiche

L’utilizzatore ha la responsabilità di sottoporre la scaffalatura, durante il suo ciclo di vita, a regolari ispezioni al fine che ogni danno occorso sia riparato e ogni componente danneggiato sostituito con parti nuovi della stessa tipologia.
L’ispezione si compone delle seguenti operazioni:

  • Controllo a vista dei danni da urti o altro su tutti i componenti strutturali (spalle, correnti, colonne cantilever, mensole, guide drive in, corsie a rulli, ecc.)
  • Controllo a campione sul serraggio della bulloneria e dei tasselli con chiave dinamometrica
  • Controllo della presenza delle spine di sicurezza sui correnti, dei bolzoni delle mensole ecc.
  • Controllo della verticalità e allineamento dei montanti delle spalle, come da norma vigente
  • Controllo della presenza delle tabelle di portata
  • Controllo sulla presenza degli accessori di sicurezza stesura verbale e documenti secondo norma di legge
  • Verifica della segnaletica di sicurezza

Naturalmente Logicus supporta i propri clienti in tutte le fasi della gestione della sicurezza, effettuando correttamente l’ispezione delle scaffalature, ma anche affiancando i responsabili della sicurezza e il personale e consigliando le best practices da seguire per una gestione ottimale del magazzino.